Inps: presentazione istanze benefici previdenziali esposizione all’amianto


Le istanze dirette al riconoscimento dei benefici previdenziali per l’esposizione all’amianto previsti dall’art. 1, co. 246, della legge di Bilancio, corredate della dichiarazione del datore di lavoro richiesta, devono essere presentate all’Inps non oltre il 2° marzo 2018.


L’articolo 1, comma 246, della L. n. 205/2017 modifica in parte quanto previsto dall’articolo 1, comma 277, della L. n. 208/2015, disponendo che ai lavoratori del settore della produzione di materiale rotabile ferroviario che hanno prestato la loro attività nel sito produttivo, senza essere dotati degli equipaggiamenti di protezione adeguati all’esposizione alle polveri di amianto, durante le operazioni di bonifica dall’amianto poste in essere mediante sostituzione del tetto, sono riconosciuti i benefìci previdenziali di cui all’articolo 13, comma 8, della legge 27 marzo 1992, n. 257, per il periodo corrispondente alla medesima bonifica e per i dieci anni successivi al termine dei lavori di bonifica, a condizione della continuità del rapporto di lavoro in essere al momento delle suddette operazioni di bonifica.
Nel dettaglio, le istanze dirette al riconoscimento dei benefici previsti dall’articolo 1, comma 246, corredate della dichiarazione del datore di lavoro di cui sopra, devono essere presentate all’Inps, entro 60 giorni decorrenti dall’entrata in vigore della stessa legge, non oltre il 2° marzo 2018. Qualora il datore di lavoro sia impossibilitato a rilasciare al dipendente la dichiarazione entro il suddetto termine decadenziale, la stessa può essere allegata entro 60 giorni dalla presentazione della domanda.
Il modello di dichiarazione da allegare alla domanda è pubblicato nella sezione “Modulistica” del sito www.inps.it con il codice AP 130 v.0 – “Dichiarazione del datore di lavoro ai fini della concessione dei benefici per l’esposizione all’amianto previsti dall’art. 1, comma 246, della legge 27 dicembre 2017, n. 205”.
Gli interessati possono presentare la domanda di pensione anche contestualmente a quella di verifica del beneficio. Il relativo trattamento sarà corrisposto con le ordinarie decorrenze, al ricorrere di tutti i requisiti e le condizioni previste compresa la cessazione dell’attività lavorativa, oltreché all’esito del positivo riconoscimento delle condizioni per l’accesso al beneficio.
La domanda può essere presentata sia per il tramite degli intermediari che direttamente dal cittadino in possesso delle credenziali di accesso ai servizi on line disponibili sul sito istituzionale. Il percorso, dalla sezione “Domanda di Prestazioni pensionistiche: Pensione, Ricostituzione, Ratei maturati e non riscossi, Certificazione del diritto a pensione”, è il seguente: “Certificazione” > “Riconoscimento di beneficio” > “Maggiorazione amianto legge 205/2017”.