Fattura elettronica non obbligatoria per le esportazioni extraUE


Per le cessioni all’esportazione  fuori dall’ambito UE non è obbligato ad emettere l’e-fattura né effettuare la trasmissione telematica dei dati delle operazioni transfrontaliere (Agenzia Entrate – risposta n. 130/2019).

Il commerciante che esporta prodotti fuori dall’ambito UE non è obbligato ad emettere fattura elettronica né ad effettuare la trasmissione telematica dei dati delle operazioni transfrontaliere, in quanto le cessioni sono documentate con bollette doganali. Qualora invece decida di procedere all’utilizzo della fattura elettronica, l’emissione deve essere effettuata tramite il Sistema di Interscambio (SdI), secondo le modalità previste per le fatture emesse nei confronti dei soggetti residenti, inserendo un codice destinatario convenzionale.


Inoltre, a seguito dell’informatizzazione delle procedure, la prova dell’operazione commerciale di esportazione non è più fornita dal visto cartaceo, ma dal documento informatico predisposto dalla dogana di uscita.


Infatti non è più necessario che la dogana di uscita apponga materialmente sulla fattura il visto uscire, poiché è sostituito dal messaggio elettronico della dogana di uscita.