Edilizia: indicazioni Inps sulla riduzione contributiva per il 2018

Con riferimento alle imprese edili, i datori di lavoro possono inviare le domande per l’applicazione della riduzione contributiva, per l’anno 2018, fino al 15 marzo 2019.

L’agevolazione – confermata, per l’anno 2018, nella misura dell’11,50% – consiste in una riduzione sui contributi dovuti per le assicurazioni sociali diverse da quella pensionistica e si applica ai soli operai occupati per 40 ore a settimana, pertanto non spetta per i lavoratori a tempo parziale.
I datori di lavoro interessati possono inviare le domande per l’applicazione della riduzione contributiva relativa al 2018 fino al 15 marzo 2019.
Ai fini dell’accesso al beneficio, il datore di lavoro deve, tra l’altro, possedere i requisiti di regolarità contributiva attestata tramite il documento unico di regolarità contributiva, fermi restando gli altri obblighi di legge e il rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali, nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, laddove sottoscritti, stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale; non deve aver riportato condanne passate in giudicato per la violazione in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro nel quinquennio antecedente la data di applicazione dell’agevolazione.
La riduzione in parola non spetta, inoltre, per quei lavoratori per i quali sono previste specifiche agevolazioni contributive ad altro titolo (ad esempio, l’incentivo Occupazione Mezzogiorno per le assunzioni a tempo indeterminato effettuate nel corso del 2018), nonché in presenza di contratti di solidarietà.
Le istanze per la riduzione contributiva devono essere inviate telematicamente avvalendosi del modulo “Rid-Edil”, disponibile all’interno del cassetto previdenziale aziende dell’INPS, nella sezione “Comunicazioni on-line”, funzionalità “Invio nuova comunicazione”. In caso di definizione delle istanze stesse con esito positivo, al fine di consentire il godimento del beneficio, sarà attribuito alla posizione contributiva interessata il codice di autorizzazione 7N, per il periodo da dicembre 2018 a febbraio 2019; l’esito sarà visualizzabile all’interno del cassetto previdenziale aziende. In ogni caso lo sgravio si riferirà al periodo che va da gennaio a dicembre 2018. Laddove, invece, dovesse essere accertata la non veridicità della dichiarazione resa dal datore ai fini dell’accesso al beneficio, le Strutture INPS, oltre all’attivazione nei riguardi dell’autorità giudiziaria, procedono al recupero delle somme indebitamente fruite.
Il beneficio può essere fruito avvalendosi delle denunce contributive Uniemens fino al mese di competenza febbraio 2019.